Sei un ente? Accedi o Registrati
20.01.2020

Un Coro in Città arriva a Teatro

20 e 22 gennaio 2020

Gli allievi del progetto “La Scala fa Scuola. Un coro in città” assistono al concerto della Chicago Symphony Orchestra diretta dal maestro Riccardo Muti.

 

La musica come strumento per prendere in mano la propria vita. Cantare in un coro come primo passo per avvicinarsi a una grande tradizione, e cominciare a viverla.

La Scala fa Scuola. Un Coro in Città conduce i bambini di alcune scuole primarie di Milano alla cultura musicale attraverso la creazione di cori di voci bianche. La pratica corale sviluppa le potenzialità espressive dei bambini e genera un forte spirito di aggregazione. In realtà a vario titolo difficili, questo modo di fare comunità può fare la differenza. La Scala fa Scuola. Un Coro in Città è un progetto dell'Accademia Teatro alla Scala e della Fondazione TIM, con il patrocinio del Comune di Milano e la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia. L’iniziativa culminerà con un grande Concerto finale al Teatro alla Scala in cui i cori delle scuole si uniranno al Coro di Voci Bianche dell’Accademia.

Il Teatro alla Scala è da sempre impegnato nella trasmissione del proprio patrimonio di saperi alle nuove generazioni, avendo istituito un ente formativo come l’Accademia, che oggi costituisce un unicum nel panorama europeo grazie a un’offerta didattica che copre tutti i profili professionali legati allo spettacolo dal vivo.

Fondazione TIM da anni sostiene il patrimonio artistico e culturale valorizzandolo grazie alle tecnologie più innovative. Con il progetto La Scala fa Scuola. Un Coro in Città intende promuovere la cultura musicale e favorire la pratica corale nelle scuole quale strumento di inclusione sociale.

Il 20 gennaio al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il 22 gennaio al Teatro alla Scala una delle classi delle dieci scuole attualmente interessate dal progetto La Scala fa Scuola. Un Coro in Città ha ascoltato il concerto della Chicago Symphony Orchestra e del Maestro Muti. E' un piccolo passo alla scoperta del mondo sinfonico e delle sue bellezze. I giovanissimi che oggi ci si avvicinano sono il loro futuro.