Cultura dell'innovazione
il progetto

Confiscati Bene 2.0

Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie

Sensibilizzare, comunicare, condividere, cambiare. Tutto questo si può fare anche con la tecnologia digitale, che aiuta ad accorciare le distanze, a mettere a fattor comune.

Confiscati Bene 2.0 è il progetto proposto da Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie che dal 1995 si occupa di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Fondazione TIM, nell’edizione 2015 di Fondazione #ITALIAx10, ha deciso di sostenere questo progetto a forte impatto sociale grazie al richiamo al valore della legalità, puntando alla trasparenza e al monitoraggio civico dei beni confiscati alle mafie. Al progetto partecipa anche l'Associazione OnData (ondata.it) in qualità di partner tecnico per gli aspetti tecnologici e l'elaborazione degli Open Data. 

I beni confiscati sono tutti quei beni mobili, immobili e aziendali che, grazie alla legge 109 del 1996, una volta sottratti alle mafie, vengono riutillizzati a fini sociali, mediante l'assegnazione a quei soggetti - Associazioni, Cooperative, Comuni, Province e Regioni - in grado di restituirli alla cittadinanza, tramite servizi, attività di promozione sociale e lavoro.

Confiscati bene 2.0 è il portale web nazionale per la trasparenza e la promozione del riutilizzo dei beni confiscati, fondato su due funzioni principali:

  • Raccogliere, creare, fornire dati in open data completi, fruibili, aggiornati, tanto sul bene quanto sulla “vita” del bene.

  • Generare comunità che si occupino, si interessino e operino sui beni confiscati, rendendoli luogo di partecipazione tramite il monitoraggio civico; il racconto di best practice istituzionali, la promozione di progettualità degli enti gestori, al fine di rendere i beni confiscati volano di coesione territoriale.

In particolare, dal 2016 al 2018, sono state realizzate tre scuole di monitoraggio civico nazionale e c’è stato altresì un incremento dei dati relativi alle pratiche di riutilizzo monitorate, passando da 520 (nel 2016) a 766 (nel 2018) in tutte le regioni italiane.

In quattro regioni, Emilia Romagna, Toscana, Valle D’Aosta e Campania, sono state realizzate altrettante scuole di formazione regionali, mentre i Campi di impegno e formazione sul monitoraggio dei beni confiscati alle mafie, E!state Liberi, a Isola di Capo Rizzuto (KR), Battipaglia (SA) ed Erbè (VE), hanno coinvolto un totale di 130 persone.

Il portale Confiscati Bene 2.0 è stato presentato il 20 novembre 2018 alla Sala Igea dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, a Roma, evento in cui si è parlato di trasparenza dei dati relativi ai beni confiscati e del ruolo della cittadinanza attiva con esperienze di riutilizzo e monitoraggio civico sui beni confiscati alle mafie.

 

Dove

Mappa Italia

Italia

Valore del progetto

€ 100.000

Contributo
Fondazione TIM

€ 95.000

Data di avvio

09.2016

Durata
prevista

24 mesi

Target

Istituzioni (Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la Destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, Prefetture, Regioni, Province, Consorzi di Comuni e Comuni), Cooperative, Associazioni, scuole, università e la cittadinanza.

Obiettivi

ico fondazione

Mappatura e analisi dei beni confiscati.

ico fondazione

Diffusione di buone pratiche sul possibile utilizzo dei beni confiscati.

Utilizzo innovativo delle tecnologie

Confiscati bene 2.0, il portale fondato su tecnologie OpenSource, si compone di archivio di dati aperti accessibile gratuitamente fondato su Content Management System CMS, DKAN per catalogazione e rilascio dei dati, Dataviz, mappe interattive, geolocalizzazione di BC, strumenti per la creazione di community. 

Team

Staff di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie

Davide Pati

Tatiana Giannone

Simona Ottaviani

Leonardo Ferrante

Riccardo Christian Falcone

Francesco Iandolo

Valentina Barca

Peppe Ruggiero

Staff di OnData

Andrea Borruso

Gianluca De Martino

Alessio Cimarelli

Ilaria Vitellio

Marco Scaraggi

Staff di Fondazione TIM

Anna Galassi

Staff di TIM

Giovanni Fallacara