Sei un ente? Accedi o Registrati

Il nostro contributo per il nuovo Pronto Soccorso del San Raffaele

Cultura dell'innovazione

Il nostro contributo per il nuovo Pronto Soccorso del San Raffaele

#insiemecelafacciamo

Nel suo impegno per la lotta al Coronavirus, Fondazione TIM ha deciso di finanziare la costruzione di un nuovo pronto soccorso per l'Ospedale San Raffaele di Milano.

Nel quadro della strategia regionale di gestione dell’emergenza, la Regione Lombardia ha selezionato un numero di ospedali specializzati per garantire, in parallelo alla gestione dei pazienti infetti, anche le emergenze sanitarie standard quali infarti, ictus e traumi maggiori. 

L’Ospedale San Raffaele di Milano è stato selezionato, grazie alla sua grande esperienza, per la gestione delle emergenze cardiologiche, chirurgiche e aritmologiche per tutta la zona cittadina. 

La tutela di questa tipologia di pazienti, estremamente fragili, ha richiesto la costruzione di un nuovo pronto soccorso dedicato per ognuna delle due aree, al fine di tutelarli dal rischio di contagio presente nel pronto soccorso tradizionale.

Lo sdoppiamento del pronto soccorso è stato realizzato in meno di una settimana, garantendo così spazi dedicati, una sala triage con 14 posti letto, una terapia intensiva e percorsi isolati di accesso alle varie sale per supportare ai massimi livelli la popolazione di Milano per tutta la durata dell’emergenza COVID-19. 

Fondazione TIM, in questa fase di emergenza, ha voluto essere vicina alla comunità attraverso il suo costante impegno.

Con una donazione speciale e un contributo dei colleghi del gruppo TIM, la Fondazione ha donato 1 milione di euro a quattro importanti strutture ospedaliere e di ricerca. Ciascuna ha ricevuto 250.000 euro per il finanziamento o cofinanziamento di un progetto legato al contrasto del COVID-19. 

Informazioni sulle altre donazioni nell'ambito della ricerca sul Coronavirus:

Consorzio per la Ricerca Sanitaria - CORIS
Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, Roma
IRCCS Fondazione "G. Pascale", Napoli